Un camion su dieci su strade urbane viaggia in sovraccarico. Ma di chi è la responsabilità?

I controlli effettuati dalle polizie municipali stanno evidenziando un dato preoccupante. Circa il 10 per cento dei veicoli pesanti che passano per i centri urbani percorrono strade a loro vietate perché sottoposte a divieto di transito con limite di massa.

È una tendenza che sembra confermata anche dalle ultime rilevazioni effettuate la scorsa settimana a Modena, dove i vigili urbani hanno controllato 134 veicoli su strade con limite di carico, trovandone 14 che le utilizzavano impropriamente.

La gran parte dei veicoli ispezionati – fortunatamente – sono risultati in regola in quanto, essendo diretti alle fabbriche ubicate sulle strade oggetto del limite, il loro transito era autorizzato, ma fra essi sono stati ugualmente individuati e sanzionati circa il 10 per cento di trasgressori, che utilizzavano impropriamente le strade interdette come scorciatoia.

I limiti di carico – ricordiamolo – sono legati alla portata della strada, proprio per garantirne l'integrità laddove l’asfalto non sia in grado di reggere il passaggio di grossi carichi; ovviamente il dissesto del manto stradale finisce per ripercuotersi su tutti i mezzi in circolazione e sulla sicurezza stradale.

Peraltro non più di due mesi fa anche la polizia stradale di Rimini in collaborazione con i colleghi di Ravenna e Forlì, aveva effettuato una serie di controlli finalizzati proprio al controllo del carico e, su circa 200 camion sottoposti a verifica, 16 erano risultati in sovraccarico. Quindi un 8%, vale a dire un po’ meno che a Modena, dove però l'infrazione era legata al transito su strade urbane.

Considerazioni finali. La prima è rispetto alle sanzioni, che diventano particolarmente pesanti, man mano che aumenta la percentuale di eccedenza e che comunque colpiscono anche la patente decurtandola – sempre in base alle percentuali di eccedenza – di diversi punti.

Commisurato all’eccedenza, però, è anche l’indennizzo che l’intestatario della carta di circolazione del veicolo deve corrispondere agli enti proprietari delle strade percorse con il veicolo in sovraccarico.

Ma attenzione: l’articolo 167 comma 9 del codice della strada dice espressamente che tutte le «sanzioni amministrative previste nel presente articolo si applicano sia al conducente che al proprietario del veicolo, nonché al committente, quando si tratta di trasporto eseguito per suo conto esclusivo».

Si tratta cioè dell’applicazione di quella che si chiama corresponsabilità condivisa, e che rispetto al sovraccarico diventa particolarmente pesante (ovviamente) in riferimento al caricatore. Questi infatti, a prescindere dalla forma scritta o meno del contratto di trasporto, ha una responsabilità oggettiva in quanto non ha alcuna possibilità di produrre prove a sua discolpa. Quindi, gli agenti che fermano i camion dovrebbero subito andare a contestare la sanzione a chi di dovere. Perché se tutto termina lì, sulla strada, diventerebbe unaparziale applicazione della legge.

Fonte: uominietrasporti.it

 

Ritchie Bros. è pronta per la prima asta del 2016 a Caorso

Il 3 marzo si riaccendono I motori a Caorso. Centinaia di macchinari e autocarri torneranno sulla rampa della sede italiana del gruppo canadese, per la prima asta del calendario 2016 che vedrà successivamente altre quattro date. Di fronte a clienti provenienti da tutto il mondo Ritchie Bros. venderà tutti I mezzi in un solo giorno ai migliori offerenti.

Nei giorni 1 e 2 marzo sarà possibile visionare i macchinari e registrarsi per partecipare. Il parco macchine di Caorso continua a crescere di giorno in giorno, proponendo mezzi, macchinari e attrezzature per tutti I settori.

Oltre 50 escavatori, più di 30 pale, terne, compattatori, rulli. Inoltre più di 60 autocarri ribaltabili, autocarri cassone fisso e con gru. Vasta scelta anche per il settore del sollevamento con oltre venti sollevatori telescopici, piattaforme monobraccio, piattaforme aeree e carrelli elevatori. E ancora trattori stradali, rimorchi e mezzi frigoriferi. I macchinari, gli autocarri e le attrzzature in vendita sono già visibili, con descrizioni e foto dettagliate, sul sito www.rbauction.it.

Il giorno dell’asta tutto sarà venduto secondo il tradizionale sistema Ritchie Bros. che non prevede prezzi minimi di partenza. L’asta è aperta al pubblico e chiunque può registrarsi per fare offerte oppure scegliere Ritchie Bros. come partner per la vendita di mezzi e macchinari.

Per maggiori informazioni sui servizi, su come acquistare o vendere alle aste Ritchie Bros. è possibile contattare la sede al numero 0523.818801.

 

Trasporti eccezionali in transito in Emilia-Romagna

Dando seguito alle precedenti comunicazioni vi informiamo che dal 1° GENNAIO 2016 tutta la procedura autorizzativa al transito dei veicoli e trasporti eccezionali in Emilia-Romagna si svolgerà esclusivamente tramite la piattaforma online denominata TE_online, accessibile dall'indirizzo http://teonline.regione.emilia-romagna.it

La nuova procedura è stata introdotta a partire dallo scorso gennaio 2015 nella Città metropolitana ed estesa progressivamente in tutte le Province dell'Emilia-Romagna.

La modalità online consente di qualificare il servizio, avvalendosi di funzioni come lo stato della pratica, l'anagrafe unica, il registro delle imprese, la firma digitale, il bollo virtuale, la carta di credito e il codice QR.

Per qualsiasi informazione potete contattare i competenti uffici trasporti eccezionali della Città metropolitana e delle Province o il Consorzio Futuro in Ricerca (CFR) all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ritchie Bros. ha chiuso l’anno con una grandiosa asta

Un’asta grandiosa con oltre 2.200 lotti in vendita: cosi’ ha chiuso l’anno Ritchie Bros. Auctioneers, Giovedi 10 Dicembre presso la sede italiana di Caorso (PC).

Sono stati piu’ di 1.600 I clienti che si sono registrati , oltre 800 on line. Autocarri ribaltabili,trattori stradali, telescopici, gru, macchinari edili, l’asta di ieri Giovedi 10 Dicembre presentava un parco macchine vario che ha permesso a tantissimi operatori di tanti settori industriali di rinnovare o aumentare il parco veicolare con gli ultimi acquisti dell’anno. Ma il ruolo principale nell’ultima asta dell’anno della casa d’aste piu’ grande al mondo e’ stato giocato dal settore agricolo . Oltre 200 trattori, molti nuovi da immatricolare e una vasta scelta di attrezzature hanno attratto alla sede di Caorso un grande numero di aziende agricole ed operatori del settore che gia’ a partire da sabato 5 Dicembre hanno potuto ispezionare i trattori agricoli grazie ad una mattinata extra dedicata al settore in vista dell’asta tenutasi Giovedi.

 

 

Oltre 159 trattori 2 e 4 ruote motrici e oltre 30 quelli cingolati e tanti I brand presenti. Anche le attrezzature hanno attratto moltissimo interesse tra gli offerenti per la vasta selezione di modelli, molti dei quali nuovi.

Pur registrando oltre 900 clienti italiani, anche a quest’asta Ritchie Bros. ha dimostrato la sua internazionalita’ con oltre 60 paesi esteri registrati , creando una rete internazionale di offerenti che in tempo reale facevano offerte sui lotti in vendita a Caorso.

Oltre 240 le aziende che hanno scelto l’asta di Dicembre per mettere in vendita macchinari e autocarri attraverso un canale mondiale che garantisce la vendita in un solo giorno; inoltre gli acquirenti alle aste Ritchie Bros. possono usufruire anche di una vasta gamma di servizi post vendita che assicurano al compratore un’ assistenza a 360 gradi.

L’asta di dicembre, come e’ abitudine di Ritchie Bros. e’ stata inoltre occasione di un’asta di beneficenza che ha visto quasi 100 lotti messi in vendita da alcuni clienti Ritchie Bros. con l’intento di raccogliere proventi a favore dell’Associazione Bambino Cardiopatico Onlus di Piacenza che da anni è impegnata ad aiutare e curare bambini affetti da gravi malattie cardiache che non hanno i mezzi per essere curati.

I clienti che insieme a Ritchie Bros hanno contribuito al sostegno di questa iniziativa provengono da tutta Italia: Iveco, Iveco Orecchia, Scania, Dmo, Fratelli Filippi Srl, Hammer, Stefano Sintoni, Mape Costruzioni Srl, Pramac, Tassini snc, Saci, Scim Srl, , Egimotors Polaris, Italeur, Morando trasporti, Bianciotto, Massucco T, Koster, Fratelli Erodio, Salumificio Sarmatese

La prossima asta e’ gia’ in calendario per il 2016, in data 3 marzo 2016. Sul sito www.rbauction.it e’ disponibile il calendario delle aste di Ritchie Bros. nel mondo; inoltre la sede d’asta italiana ha una propria pagina facebook Ritchie Bros. Italia.

 

 

ALCUNI NUMERI:

  • Piu’ di 1600 registrati di cui 800 online
  • 603 compratori
  • Oltre 2200 lotti in vendita
  • Oltre 60 paesi presenti

 

Noleggio autogru, Dal Col Presidente Nazionale

Riportiamo di seguito l'articolo pubblicato dal quotidiano Alto Adige in occasione della nomina di Daniela Dal Col.